“La Ludopatia ha contagiato anche i Lions ?” di Franco Cirillo


Franco Cirillo


Articolo tratto dallla Rivista LIONS SICILIA – Maggio 2016


Carissimi Amici, nelle edizioni precedenti della Rivista Distrettuale vi ho intrattenuto sull’argomento della ludopatia, non fosse altro che per il ruolo che anche per quest’anno sono stato chiamato ad assolvere.

Siamo all’ultima edizione della Rivista e pur restando nel tema (o quasi) vorrei esprimere un mio pensiero da LIONS.

Il titolo è in effetti un po’ provocatorio però andiamo ad analizzare alcuni passaggi.

Intanto cosa è la ludopatia ? essa è “un disturbo del comportamento rientrante nella categoria diagnostica dei disturbi del controllo degli impulsinella fattispecie per il gioco   (magari un po’ azzardato).

E che centrano i LIONS con questo problema?

Che forse qualcuno magari avrà giocato in modo compulsivo alla roulette o al poker?

No !  non è a questo aspetto che mi riferisco.

Mi riferisco al “gioco” , anch’esso molto “azzardato”, di voler distruggere un patrimonio, quello dei LIONS del nostro Distretto, costruito per anni con dedizione e sacrifici.

Non sto qui ad esplicitare il Codice dell’Etica Lionistica perché lo conosciamo tutti e ce lo ripetiamo ogni volta che il Cerimoniale lo prevede (salvo poi a dimenticarlo alla prima occasione) ma vado a fare alcune considerazioni che ritengo siano opportune.

In qualsiasi organizzazione, ancorché volontaristica, sono previste delle gerarchie, sono previste delle regole scritte e delle regole non scritte (che a volte valgono più di quelle scritte), sono previsti dei ruoli, il tutto inquadrato nel rispetto reciproco e nel riconoscimento della leadership di chi ha raggiunto (e meritato) traguardi nella scala gerarchica.

Non possiamo, adesso, far finta di ignorare che nel nostro Distretto è in corso una (non più strisciante) azione volta a sovvertire quei principi pocanzi espressi. Io ritengo che sia legittima una dialettica interna, ritengo anche che sia naturale una aspirazione (o ambizione, ma vista sempre positivamente), ritengo altresì che in certi momenti, quali quelli in cui si vota per eleggere delle cariche, ci possa essere una (sana) competizione che sia espressione di una molteplicità di eccellenze.

Invece non ritengo per nulla positiva la contrapposizione a tutti i costi, la lotta spietata     (ancorché subdola) che miri solo a ” rottamare ” (scusatemi il termine ma ormai il “renzismo” ci ha contagiati) chi si è speso per la causa comune magari solo per sostituirlo, la ipocrisia (tanto di moda nel politichese) di nascondere i veri obiettivi dietro paludati principi, ma soprattutto non ritengo affatto positiva la “maldicenza” del tutto gratuita volta solo a demonizzare il nemico (scusate volevo dire l’avversario, politicamente parlando).

Allora se dal “disturbo del controllo degli impulsi” è possibile guarire , mettiamocela tutta per curare questo gioco ( ludopatia? ) perché non passerà molto tempo che (non solo per questo, ma anche per questo) ci troveremo in un Distretto decimato per l’abbandono da parte dei Soci che sembra non percepiscano queste tensioni interne ma che invece le vivono e le soffrono.

Concludo  ricordando che l’animo LIONS non si potrà mai domare così come non si potranno mai soffocare i rapporti di sincera Amicizia .


Franco Cirillo – Delegato Service “Help emergenza lavoro, ludopatia, sovraindebitamento e usura”


 ludopatia06

Annunci